Get Adobe Flash player

Ricerca

Facebook

Musica

My Immortal (Instrumental) by Evanescence on Grooveshark

Musica

Heart Chakra by Merlin's Magic on Grooveshark

Musica

Feelings by Reiki on Grooveshark

Musica

Relax by Mind, Body and Soul Series on Grooveshark

Musica

Sacral Chakra by Merlin's Magic on Grooveshark

Geo Visite

Mikao Usui tra Leggenda e Realtà

 LA LEGGENDA DI MIKAO USUI

Il racconto su Mikao Usui veniva trasmesso ai suoi studenti oralmente (come leggenda vuol farci credere) e così, per una particolarità tutta occidentale, ad Usui è stata addossata per anni una versione molto improbabile della storia della sua vita, che lo vedeva come monaco cristiano direttore della Doshisha University di Kyoto. Come ogni Domenica, accingendosi a officiare una cerimonia religiosa nella cappella del collegio in cui insegnava, Mikao Usui un giorno sarebbe stato interrogato, da alcuni studenti, in merito alla possibilità di guarire con le mani, così come il Vangelo testimonia a proposito di Gesù. Secondo questa leggenda, Usui, fu molto colpito dalla discussione e decise di voler andare in fondo alla questione, ricercando quanto più possibile le opportune conoscenze in merito alla trasmissione dell’Energia . Rassegnò le dimissioni, approfondì gli studi sulle Sacre Scritture, studiò altre religioni, visitò molti monasteri, si recò persino all’estero per approfondimenti. Tutto questo impegno tuttavia non gli diede le risposte cercate e desiderate. Un bel giorno in Giappone, dopo anni di ricerca, trovò degli antichi rotoli scritti in Sanscrito e contenenti dei Sutra (in Sanscrito: norma, filo, regola,): si trattava di insegnamenti del Buddha scritti 2.500 anni prima e fino ad allora non tradotti. In più c’erano anche dei Simboli Sacri. Mikao Usui trovò in quegli scritti le risposta tanto a lungo cercate, cioè come fosse possibile operare delle guarigioni attraverso l’imposizione delle mani, ovvero come si poteva concretizzare la trasmissione di energia guaritrice a se stesso e ad altre persone o esseri viventi. Avendo trovato la Conoscenza, Usui aveva bisogno di concretizzarla, rendendola attiva: decise così, secondo la leggenda, di salire su una montagna sacra a meditare. Sul monte mise davanti a sé 21 sassolini; per ogni giorno trascorso si ripromise di toglierne uno. Passò il tempo Meditando, Pregando, Digiunando. Il ventunesimo giorno Mikao Usui assistette ad un curioso fenomeno: in cielo apparve una Luce Abbagliante e in rapido movimento. Questa Luce lo colpì poco sopra la radice del naso e stordito ebbe un’esperienza di stato alterato di coscienza. Rivedendo i Simboli Sacri trovati durante le sue ricerche sentì di poterne cogliere in modo pieno il significato e percepì dentro di sé che la conoscenza intorno alla guarigione si era attivata.Una volta ripreso da quell’esperienza straordinaria, corse giù dal Monte Sacro in preda all’entusiasmo e al desiderio di sperimentare quanto gli era stato rivelato. Incespicò e si ferì leggermente un piede a causa di una pietra sporgente; impose con fiducia le mani sulla ferita e constatò che il sangue coagulò rapidamente e il dolore svanì. Arrivato affamato in una locanda, ordinò a causa della fame cibo in abbondanza. L’oste, intuito nel viandante il digiuno cui si era sottoposto, gli raccomandò di mangiare lentamente per potersi gradualmente riabituare al cibo. Usui invece, mangiò di gusto e poi si impose le mani per aiutare la digestione. La cameriera che gli aveva servito il pasto soffriva per un ascesso a un dente e Usui, offertosi di aiutarla potè riscontrare nella giovane un rapido miglioramento. Guarito anche un Abate sofferente di artrosi alle ginocchia, presso il convento in cui era ospite, Mikao Usui era molto soddisfatto e dopo pochi giorni decise di dedicare “ques’Arte” a chi ne avesse davvero bisogno. Si recò così in un quartiere assai disagiato della città di Kyoto con la ferma volontà di aiutare i mendicanti a cambiare vita guarendoli nel fisico e nell’animo.

 LA VERA STORIA DEL MAESTRO MIKAO USUI

Nato nell’Aprile del 1922 dall’enorme capacità creativa di Mikao Usui, il metodo Reiki ha trovato vasta diffusione nel mondo dal 1988. Oggi tra i vari metodi di riequilibrio Psico-Fisico è il più noto e divulgato, in quanto è semplice, rapido, e dai sorprendenti risultati a vari livelli.Fino alla fine degli anni ’90 di Mikao Usui si conosceva molto poco e quel poco consisteva in una sorta di leggenda trasmessa da maestro ad allievo a livello orale, a partire dalla signora Hawajo Takata. Frank Arjava Petter è un insegnante di Reiki tedesco che ha vissuto per sette anni a Sapporo, in Giappone (dal 1993 al 2000)  e che dedicandosi alla ricerca della verità storica intorno alla figura di Usui ha rinvenuto la tomba del Maestro Usui una copia della dispensa didattica che egli era solito dare agli studenti dei suoi seminari di Reiki. Si tratta in sostanza del Manuale Reiki Originale del dr. Mikao Usui. Grazie a quel ritrovamento, per la prima volta, gli operatori Reiki sparsi per il mondo possono avere accesso alla vera storia del Reiki e del suo creatore e possono usufruire di validissimo materiale scritto originale per rendere più completo e pertinente il proprio lavoro Energetico attraverso il metodo Reiki.

In Giappone, nella prefettura di Gifu, il villaggio di Taniai (oggi conosciuto come Miyama Cho) ha visto nascere Mikao Usui il 15 agosto del 1865. Suo Padre si chiamava Uzaemon Usui e sua Madre Kawaii. Si interessò di molte cose e imparò diverse arti. Cresciuto ebbe la possibilità, a scopo didattico, di visitare alcuni Paesi occidentali e la anche la Cina. La sua famiglia era impegnata religiosamente nel Buddhismo Tendai ed egli, onorando la tradizione, studiò in un monastero Tendai (era davvero improbabile ritenere che egli fosse Cristiano come la leggenda della Takata ci ha voluto far credere) All’ età di dodici anni si scoprì appassionato delle diverse arti marziali diventandone rapidamente egli stesso esperto praticante. In particolare si dedico al Kiko, una variante del più noto Qi Gong. Era amico di Morihei Ueshiba, (il Maestro che ha creato il sistema noto come Aikido), conosceva Gichin Funakoshi (padre del moderno Karate) e Gigoro Kano (padre dello Judo). Mikao Usui ebbe successo e fu molto rispettato negli affari. Per un periodo venne assunto come consulente speciale da un potente personaggio politico dell’epoca, Shinpei Goto; questo gli diede la possibilità di viaggiare molto e di conoscere diversi usi e costumi in Giappone, ma anche all’estero.  La sua vasta cultura lo portò a ricevere l’onorifico titolo di “dottore”. Usui aveva ottime cognizioni di medicina e di pratiche tradizionali di guarigione, si dilettava di filosofia e psicologia, era amante della lettura e spesso si cimentava nella poesia. La famiglia di Mikao Usui era formata da sua moglie Sadako Suzuki, dalla figlia Toshiko e dal figlio Fuji, il quale diresse l’attività commerciale della famiglia dopo la rinuncia di Mikao e fu un anche docente presso l’Università di Tokyo. Di indole cordiale e affabile, Mikao Usui manifestava anche i caratteri della semplicità e dell’umiltà, ma in caso di bisogno sapeva sfoggiare grinta e temperamento marziale, sia sul piano del carattere sia sul piano del fisico, che era robusto e sano. Uomo riflessivo, sensibile, vigile e presente a se stesso Usui poteva essere definito come anima assai virtuosa. Queste doti e un’intera vita dedita allo studio dell’essere umano lo portarono a sviluppare quell’arte che un giorno sarebbe diventata famosa in tutto il mondo prendendo il nome Reiki. Ben lungi dall’essere utile solo per la guarigione, il suo originale metodo Reiki mirava al rafforzamento del senso della presenza, della consapevolezza, del riconoscimento della natura Spirituale dell’uomo. Per Usui l’armonia, l’equilibrio, la disciplina interiore favorite dal Reiki, così come il contatto con i propri talenti naturali e il benessere psico-fisico avevano lo scopo spirituale di avvicinare l’uomo alla sua autorealizzazione. Dopo essere stato un monaco viandante Usui dell’ordine di Mikkyo, nel 1914 Mikao Usui diventò un monaco laico Tendai (definito Zaike); questo gli consentì di vivere nella sua casa in stretto contatto con la famiglia.
Un giorno volle sperimentare un ritiro spirituale prolungato in cui poter digiunare e meditare: scelse il sacro monte Kurama per questo e dopo 21 giorni, percepì nettamente in sé la presenza dell’Energia Universale e la possibilità di poterla ritrasmettere. Nacque così il Metodo Reiki che Mikao Usui sperimentò dapprima su se stesso e poi su amici e familiari. Avendo trovato in esso grande riscontro sia in termini di accelerazione della guarigione di moltissimi disturbi e avendone riscontrato l’enorme valenza spirituale, volle renderlo accessibile e diffonderlo al pubblico.

Nel 1922 a Harajuku, Aoyama, Tokyo, Mikao Usui aprì a questo scopo una clinica in cui condusse insieme a dei collaboratori molte sessioni di guarigione e tenne seminari per l’apprendimento dei vari livelli in cui aveva suddiviso didatticamente il Metodo Reiki. Ad Aprile del 1922 diede vita all’Organizzazione del Metodo Reiki di Usui chiamato Usui Reiki Ryoho Gakkai di cui fu anche il primo Presidente. Molti furono coloro che vollero sottoporsi ai suoi trattamenti e, compiendo anche lunghi viaggi, erano disposti ad aspettare parecchio tempo il loro turno per poter beneficiare dell’Energia Reiki.
Il terribile terremoto di Kanto del Settembre 1923 portò grande devastazione nella città di Tokyo. Ci furono moltissime vittime e ancora più feriti. Il dr. Usui e i suoi collaboratori, si fecero coraggio e cominciarono a curare moltissime persone, sia nella sua clinica sia in molti altri luoghi di Tokyo. Quando nel Febbraio del 1925 la clinica di Usui divenne troppo piccola egli si trasferì fuori città, a Nakano, dove realizzò una clinica più capiente.Mikao Usui diventò rapidamente noto e ricevette inviti da numerose città del Giappone. Per i suoi indubbi meriti il governo gli conferì la rara onorificenza Kun San To.
Mentre si trovava a Fukuyama Mikao Usui si ammalò (ebbe il suo terzo ictus) e, il 9 Marzo del 1926, morì ad appena 61 anni.

 IL TESTO INTEGRALE DI UN’ INTERVISTA RILASCIATA DA USUI AD UN GIORNALE GIAPPONESE.

“Intervista tratta dal libro di Frank Arjava Petter: Reiki, l’eredità del Dr.USUI”

 

Cos’è l’Usui Reiki Ryoho?

Con somma gratitudine abbiamo ricevuto i principi Meiji dall’Imperatore e viviamo conformandoci ad essi. Per raggiungere il vero cammino spirituale dell’umanità dobbiamo vivere secondo quei principi. Ciò significa che dobbiamo imparare a migliorare il nostro corpo, i nostri sentimenti ed i nostri pensieri con la pratica costante. Facendo questo, guariremo soprattutto lo Spirito. Dopodichè saremo in grado di guarire il corpo. Quando la nostra mente si trova sul salutare sentiero dell’onestà e della serietà, il corpo guarisce completamente da solo. Poichè la mente e il corpo sono una cosa sola, noi vivremo la nostra vita in pace e nella gioia. Noi guariamo noi stessi e anche le malattie degli altri. Questo è il senso dell’Usui Reiki Ryoho.

Reiki si basa su una forma di psicoterapia, di autosuggestione, di ipnosi e così via? E’ qualcosa di simile ad una terapia già conosciuta?

No. Dopo anni di intenso e duro lavoro, ho incontrato un segreto spirituale. E’ questo che libera il corpo e la mente.

E’ una forma di guarigione spirituale?

E’ abbastanza corretto. Potremmo chiamarla così. Comunque la si potrebbe chiamare anche terapia fisica, poiché l’energia e la luce irradiano da tutto il corpo della persona che sta dando il trattamento. l’energia e la luce si irradiano soprattutto dagli occhi, dalla bocca e dalle mani di chi da il trattamento. Egli può contemporaneamente fissare con gli occhi la parte malata, soffiarci sopra e massaggiarla delicatamente. Mal di testa, mal di denti, mal di stomaco, nevralgie, ferite da taglio, ustioni e così via guariscono facilmente. Le malattie croniche non sono facili da trattare, ma anche un singolo trattamento mostra benefici effetti. Mi chiedi in che modo questo fenomeno possa essere spiegato in termini scientifici. Bene, ritengo che la realtà sia molto più significativa di quanto lo possa essere qualsiasi teoria. Quando vedrete i risultati sarete d’accordo con me. Anche chi si ostino a non voler credere, non potrà negare l’evidenza.

E’ necessario credere nell’Usui Reiki Ryoho, perchè avvenga la guarigione?

No. La fede non è necessaria, perchè Reiki non lavora con la suggestione. Non fa differenza se la persona è incredula, scettica o prevenuta. Ad esempio, funziona sia con i bambini piccolissimi che con persone che hanno malattie gravi e non sono coscienti. Una persona su dieci porterà con sé la fiducia durante il primo trattamento, ma in seguito anche gli altri sentiranno i benefici effetti e la fiducia crescerà dentro di loro.

Quali malattie possono essere guarite con l’aiuto dell’Usui Reiki Ryoho?

Qualsiasi malattia causata da fattori fisici o psichici può essere guarita con Reiki.

Reiki guarisce solo malattie?

No, non solo malattie di tipo fisico. Può guarire anche cattive abitudini, disordini psicologici come dipendenza, insicurezza, ansia, nervosismo, difficoltà di prendere decisioni. Con Reiki diventiamo simili a Dio o al Buddha e realizziamo lo scopo di guarire i nostri fratelli esseri umani. E’ così che possiamo rendere felici noi stessi e gli altri.

In che modo guarisce l’Usui Reiki Ryoho?

Io non sono stato iniziato da nessuno in questo metodo. Non ho fatto alcuno sforzo per raggiungere eccezionali poteri di guarigione. Mentre digiunavo, sono entrato in contatto con una intensa energia e, in maniera misteriosa, sono stato ispirato (iniziato). Per una serie di coincidenze, ho compreso che mi era stata data l’arte spirituale di guarigione. Sebbene io sia il fondatore di questo metodo, mi riesce difficile spiegare con più precisione. Fisici e studiosi fanno ricerche appassionatamente, ma è stato difficile arrivare ad una conclusione basata sulla scienza medica. Arriverà il tempo in cui Reiki incontrerà la scienza.

Reiki utilizza sostanze o tecniche speciali? Ci sono effetti collaterali?

Non ci sono nè farmaci né strumenti. si usa lo sguardo, il soffio, il contatto con le mani sul corpo. Questo è tutto quello che serve per guarire.

Occorre una conoscenza medica per usare l’Usui Reiki Ryoho?

Reiki è un metodo di guarigione spirituale che va oltre la scienza e la medicina. E comunque non è basata su quelle. Quando guardi, soffi o appoggi le mani sulla parte malata del corpo, in quel momento raggiungi il tuo scopo. Ad esempio, tu toccherai la testa per trattare il cervello, l’addome per trattare l’intestino e gli occhi per trattare la vista. Non devi prendere né amare medicine, né praticare l’agopuntura e in breve tempo sarai guarito. Questo è il motivo per cui questo metodo spirituale è una creazione originale.

Come viene considerato l’Usui Reiki Ryoho dai medici più rinomati?

Sembrerebbe molto bene. Famosi medici europei sono molto critici circa la somministrazione di farmaci e il Dott. Sen Negai dell’Università di Medicina di Teikoku dice: “Noi medici sappiamo come diagnosticare una malattia, registrarla e conoscerla, ma non sappiamo né da dove viene né come guarirla.” Il Dott. Kondo dice: ” E’ davvero arroganza dire che la medicina ha fatto enormi progressi quando in realtà non prende in minima considerazione l’equilibrio spirituale del paziente. Questo è il più grande svantaggio.” Il Dott. Sakae Hara dice: “e’ una impertinenza trattare un essere umano, che possiede saggezza spirituale, come un animale. Io credo che in futuro faremo i conti con una grande rivoluzione nel campo della terapia.” In ogni caso, molti medici e farmacisti comprendono tutto questo e vengono da me per essere iniziati a Reiki. La capacità di guarire attraverso l’imposizione della mani sarà certamente riservata solo a coloro che abbiano raggiunto un alto livello di sviluppo spirituale.

Non credo che chiunque possa apprendere ciò. O lei pensa di sì?

Tutti gli esseri in cui la vita sia stata ispirata hanno ricevuto il dono e la capacità spirituale della guarigione. Lo stesso vale anche per le piante, gli animali, i pesci e gli insetti. Ma gli esseri umani, che rappresentano il punto culminante della Creazione, hanno ricevuto il potere più grande. L’Usui Reiki Ryoho è apparso nel mondo per renderlo utilizzabile.

Chiunque può essere iniziato all’Usui Reiki Ryoho?

Naturalmente, e nel giro di poco tempo imparerà a guarire se stesso e gli altri. Fino ad oggi ho iniziato più di mille persone e non uno ha fallito nell’ottenere i risultati desiderati. Anche chi ha appena ricevuto il Shoden (primo livello), è già in grado di guarire le malattie. E’ incredibile che possiamo in così poco tempo, imparare a fare una delle cose più difficili per il genere umano. Io stesso sono meravigliato. E’ proprio questa la caratteristica di questo metodo di guarigione spirituale, che possiamo apprendere una cosa così difficile in un modo tanto semplice.

Con l’Usui Reiki Ryoho abbiamo visto che possiamo guarire gli altri. Ma che succede con noi stessi? Può una persona risolvere da sola i propri problemi di salute?

Se non siamo in grado di guarire le nostre malattie come potremmo guarire gli altri?

Cosa occorre per imparare l’Okuden (secondo livello)?

Prima di tutto imparare lo Shoden e quando avrete ottenuto risultati concreti di buon comportamento, di onestà e moralità e siete assolutamente entusiasti di Reiki, allora potrete essere iniziati allo Okuden.

C’è ancora qualcosa da imparare nel Reiki dopo l’Okuden?

C’è il Shinpiden (terzo livello).